Fiori al Primo Appuntamento: Buona o Cattiva Idea?

In questo articolo voglio parlarti di tutti i pro e i contro che ruotano intorno al gesto di regalare fiori al primo appuntamento. Dopo aver risposto ai dubbi di centinaia di ragazzi ho pensato che l’argomento andasse trattato da cima a fondo.

Dalla mia esperienza ho potuto constatare che quasi un uomo su due non sa se è il caso o meno di presentarsi ad un primo appuntamento con dei fiori in mano: ecco perché sono qui.

Leggendo questo articolo ti toglierai ogni sorta di incertezza, capendo quale sia la mossa più giusta da fare. Inoltre, nell’ultimo paragrafo della guida scoprirai anche quali sono i fiori migliori da regalarle per l’occasione.

Fiori al primo appuntamento, una buona idea?

Rispondiamo subito alla domanda: no, non sono una buona idea. Nonostante sia una donna, e nonostante mi ritenga una gran romantica, devo purtroppo tirare una linea sopra ai fiori al primo appuntamento.

Gli uomini che ogni tanto si premurano di regalare un mazzo di fiori alla propria donna sono pochi, ed infatti sono altrettanto poche le donne che se li aspettano, figuriamoci ad un primo appuntamento!

Il fiore è una tradizione che ha perso di valore nel corso del tempo, seppur riesca ancora a regalare grandi sorrisi sui volti di noi donne. Tuttavia, c’è occasione e occasione per regalare dei fiori, ed il primo appuntamento non è proprio una delle migliori.

Come prima cosa, devi considerare che regalare un fiore ad una donna è un gesto romantico, non galante. Di conseguenza, sarebbe alquanto difficile da interpretare ad un primo appuntamento.

regalare fiori primo appuntamento

Insomma, non vi siete mai visti e non vi conoscete minimamente, che senso avrebbe regalarle dei fiori? Nessuno, ed è proprio perché non ha senso che lei si sentirà in una forte situazione di imbarazzo.

Oltre all’effetto sorpresa (che però non sarà molto positivo), lei potrebbe sentirsi anche manchevole nei tuoi confronti, perché si sarà presentata a mani vuote.

L’appuntamento sarebbe segnato sin dall’inizio da sentimenti contrastanti, che per di più lei non dovrà minimamente far trapelare. Mentre ti risponderà “grazie”, in realtà penserà “ma perché mi ha regalato dei fiori?”.

E poi, ti sei domandato che fine faranno i fiori durante il vostro appuntamento? Che siate in un ristorante, in un locale o al parco, avreste sempre il pensiero di dove appoggiare i fiori.

Allo stesso modo, se non avessi la possibilità di riaccompagnarla a casa, lei dovrebbe farsi tutto il tragitto con i fiori in mano, non capendo neanche perché glieli hai regalati.

Insomma, da qualsiasi parte guardi la situazione, ci sono più contro che pro, e contando che di per sé è un bel gesto, non vale la pena sciuparlo in questo modo.

Quando regalare fiori ad una donna e quali scegliere

Come promesso, adesso ti svelerò qual è l’occasione giusta per farti avanti con un bel mazzo di fiori. Il primo appuntamento serve ad entrambi per capire se c’è attrazione fisica e se siete interessati a conoscervi meglio.

Ecco, questa è la definizione di primo appuntamento in appena una riga. Come vedi, non c’è spazio per il romanticismo e per i regali: sarebbero davvero fuori luogo.

Piuttosto, se ci tieni a fare il galantuomo (sempre molto apprezzato da noi donne), offrile l’aperitivo o la cena, falle scegliere il vino e riaccompagnala a casa.

Questi gesti sono simbolici tanto quanto i fiori, ma dal momento che non si tratta di qualcosa di “concreto”, mettono meno in soggezione.

Fino a qui spero di non aver lasciato spazio a nessun fraintendimento. Dopo il primo appuntamento avrete capito se c’è interesse nel rivedervi e nell’approfondire la vostra conoscenza; se così fosse, prenderete un secondo appuntamento.

Questa è già un’ottima occasione per farti avanti con un mazzo di fiori. Tu dirai “chissà cosa cambia tra un appuntamento e l’altro”, ma in realtà cambia tutto.

Se avete deciso di rivedervi, a questo punto è palese che entrambi proviate interesse l’uno per l’altra. Ecco perché lei capirebbe il tuo gesto, proprio perché andrebbe a sottolineare quanto lei ti piace.

E’ un modo evidente per dirle che ti interessa, che l’hai pensata anche prima di rivederla e che ti avrebbe fatto piacere immaginare quei fiori nella sua stanza.

Ma, va bene solo al secondo appuntamento? Assolutamente no! A partire dalla seconda vostra uscita qualsiasi altro incontro è perfetto per farti avanti con dei fiori.

Rose, gigli oppure…

Ora, entrando nella pratica, dobbiamo concentrarci sulla scelta del fiore. Se pensi che uno valga l’altro, sei completamente fuori strada. Ogni fiore comunica qualcosa, per cui non puoi scegliere ad occhi chiusi.

Come prima cosa, accantona l’idea di regalarle un mazzo di rose rosse. Le rose rosse sono sinonimo di amore, passione, trasporto ed intimità, una scelta troppo azzardata per un secondo o terzo appuntamento.

Se proprio ci tieni a presentarti con una rosa in mano, devi promettere a te stesso che sarà una singola rosa, possibilmente bianca. Questo colore è elegante e puro, e non intimidisce quanto una rosa rossa.

fiori da primo appuntamento

Se invece preferisci puntare su un mazzo di fiori, allora ti consiglio di prediligere i gigli (hanno un profumo stupendo), i tulipani o un bouquet di fiori misti, che non sia però troppo grande.

Infine, ti sconsiglio di attaccare bigliettini o mini-lettere, perché ricadremmo nel discorso del “è ancora troppo presto”. Insomma, cosa potresti mai scriverle di romantico al secondo o terzo appuntamento?

Vi conoscete ancora poco e tu hai troppo poco materiale a disposizione per inventarti qualcosa di originale da scrivere. Perciò dammi retta, aspetta qualche mese per riproporre un mazzo di fiori con il bigliettino.

Se hai letto questo articolo, potrebbe interessarti anche:

Lascia un commento