Fine di un amore: Le 5 fasi della fine di una relazione

Ti stai domandando qual è il percorso che ti attende per superare la fine della tua relazione? Allora sei nel posto giusto. Nella guida di oggi infatti, ti spiegherò per filo e per segno quali sono le fasi della fine di un amore, così che tu possa essere più consapevole di cosa ti attende.

Dover accettare la fine di un rapporto significa dover accettare la perdita della persona, che viene vissuta come un vero e proprio lutto. Esatto, è proprio così. Le 5 fasi che attraverserai sono le stesse che attraversa chi ha dovuto dire addio a una persona cara.

Se ti dovessi rendere conto di aver bisogno di un aiuto in più, di analizzare in modo più approfondito la tua rottura o capire bene in quale fase ti trovi, non dovrai fare altro che richiedere qui la tua consulenza privata.

Fine di un amore: Le 5 fasi post rottura

La fine di una relazione porta dolore, tristezza, ansia e frustrazione, un evento che non è affatto facile da affrontare e superare. Inoltre, farsi schiacciare da qualsiasi tipo di emozione senza comprenderla e senza sapere cosa verrà dopo, rende il tutto doppiamente difficile.

Ad appesantire la situazione c’è anche la modalità con cui si è chiuso il rapporto. Chi si lascia bene soffre meno, ritrova la serenità più in fretta e riesce a lasciarsi alle spalle il passato con più serenità. Il problema, però, è che la maggior parte delle coppie termina le proprie storie in modo doloroso, brutto, incomprensibile e irrispettoso.

Se da una parte è vero che di mal d’amore non si muore, dall’altra bisogna ammettere che le conseguenze di una separazione possono essere devastanti. Tuttavia, come scoprirai tra poco, la luce in fondo al tunnel c’è, devi solo avere la pazienza e la forza di passare attraverso l’oscurità. Ma ne uscirai, esattamente come tutti!

Vediamo ora insieme quali sono le 5 fasi che affronterai per la fine della relazione:

Fase 1: La negazione

La prima fase che attraverserai per la fine del vostro rapporto è quella della negazione, del rifiuto di accettare la nuova realtà in cui ti trovi immerso. Qui non c’è ancora la vera realizzazione di quanto accaduto, al punto che invece di provare dolore provi smarrimento, incomprensione, non ti capaciti di cosa sia successo.

Questa reazione è del tutto normale, umana e comprensibile, perché ciò che svanisce dall’oggi al domani lascia un profondo senso di vuoto che lì per lì non si riesce nemmeno a guardare in faccia. L’idea che ti eri fatto di lei, le vostre abitudini, i vostri progetti, di punto in bianco non esistono più.

fasi della fine di una relazione

E allora ecco che ti ritrovi in uno stato di shock tale da non essere in grado di accettare la fine del rapporto. In questa prima fase di rifiuto, la realtà è così intollerabile che cercherai di aggrapparti alla negazione. Per capire se stai affrontando questo primissimo momento, prova a rispondere alle domande qui sotto:

  • Ti sembra di star vivendo un brutto sogno e speri di svegliarti presto?
  • Ti auguri che la tua ex rinsavisca e possa pentirsi della decisione presa?
  • Credi che la tua ex stia vivendo una crisi momentanea e non definitiva?
  • Credi che in realtà lei provi ancora qualcosa per te e non ne sia cosciente?

Se le risposte sono affermative, allora stai affrontando la fase del rifiuto. Inoltre, è possibile che nel tentativo di rimuovere il senso di perdita tu possa sviluppare dei comportamenti malsani (abuso di alcol, droghe, psicofarmaci, immergerti totalmente nel lavoro, esporti a molteplici esperienze sessuali occasionali ecc.).

Per quanto questa fase faccia parte del percorso per superare fine di un amore, è importante cercare di passare allo step successivo, evitando di rimanere bloccato qui. Il rischio, altrimenti, è quello di incorrere in una negazione patologica che può portarti a delle pretese e dei comportamenti insensati e nocivi per te stesso:

  • Richiedere la vicinanza e l’affetto della ex
  • Pretendere che lei ti rimanga fedele
  • Subire la gelosia al punto da fare scenate
  • Controllarla in modo eccessivo sui social

Alla lunga, questi atteggiamenti diventano quelli tipici degli stalker. Quindi, per quanto la fase della negazione faccia parte del percorso, è importante evitare di subirla al punto da portarti ad agire in modo sbagliato.

Fase 2: Il tentativo di recuperare il rapporto

A differenza delle altre quattro fasi, che si palesano con quasi assoluta certezza dopo la fine di un amore, la seconda fase non tocca propriamente tutti. In questo step non c’è più il rifiuto assoluto: la negazione lascia spazio alla speranza di poter recuperare la ex e il rapporto che avevi con lei.

E nonostante questa speranza si interfacci tutti i giorni con la dura realtà che stai affrontando, in qualche modo cerca sempre di affiorare. Il motivo è semplice: ci sono alcuni momenti della vita in cui l’unica cosa che ci fa stare bene (psicologicamente e anche fisicamente) è proprio avere speranza.

fine di una relazione le fasi

Proprio come prima, per capire se stai affrontando questa seconda fase, prova a rispondere alle domande qui sotto:

  • Hai provato a convincere la tua ex che tornare insieme a te fosse la cosa giusta? (O stai pensando di farlo?)
  • Stai provando a farla ingelosire?
  • Ti stai mostrando diversamente (soprattutto nel look) nella speranza di riaccenderle il desiderio?
  • Pubblichi contenuti “fastidiosi” sui social nella speranza che lei li veda?
  • Ti stai convincendo o credi che lei provi ancora qualcosa per te?

Se le risposte sono affermative, allora sei nella fase in cui stai tentando di riportare in vita il vostro passato. Il rischio di questa fase è quello di guardare ogni suo più piccolo movimento e di renderlo un’illusione di riavvicinamento. In sostanza: “Se ha fatto questo, allora vuol dire che…“.

Parliamo di quelle situazioni in cui lei ti scrive per sapere come stai, ha sentito i tuoi genitori o si è premurata di sistemare qualcosa che avevate in comune (es: abbonamento Netflix). Tuttavia, ti invito a non aggrapparti a inutili speranze: se i suoi sentimenti non sono più gli stessi, questi gesti non significano niente.

Fase 3: La rabbia

La terza fase della fine di un amore è incentrata sul sentimento della rabbia, che emerge soprattutto dopo i tentativi falliti di recuperare la ex. Qui non c’è più la speranza, anzi, è proprio questa a trasformarsi in rabbia verso di lei, la decisione che ha preso, come ha gestito le cose, i motivi per cui ha chiuso il rapporto ecc.

Inoltre, molto spesso la rabbia viene a galla laddove tu le abbia chiesto uno o più confronti e da questi non sia emerso niente che potesse farti capire meglio il suo punto di vista. Lei ti dice le cose che ti ha sempre detto e tu chiudi la conversazione con la sensazione di avere in mano un pugno di mosche.

le fasi della fine di un amore

All’inizio proverai rabbia nei suoi confronti, che poi si mescolerà a rabbia verso te stesso. I pensieri che hai possono arrivare a essere cattivi, portandoti a denigrare ciò che avete vissuto insieme. Tuttavia, sappi che questa terza fase è il punto di svolta, perché è quello della realizzazione della fine senza più ritorno.

Rispondi a queste domande per capire se stai affrontando la fase della rabbia:

  • Immagini spesso di dirle tutte le cattiverie che pensi in modo cattivo e offensivo?
  • Vorresti ferirla, farla rimanere male o dirle che nemmeno lei è stata perfetta?
  • Stai pensando di farle dei torti? (es: uscire con qualcuna che lei conosce)
  • Ti dici che sei stato uno stupido ad esserti innamorato di lei?
  • Ti dici che se potessi tornare indietro non sprecheresti il tuo tempo con lei?
  • Vorresti farla sentire in colpa per come sono andate le cose tra di voi?

Se le risposte sono affermative, ti confermo che sei nella fase in cui stai buttando colpe e rabbia sulla tua ex. Ma questi sentimenti sono necessari e fondamentali per poterti distaccare, poiché la vedrai con gli occhi del disprezzo. É brutto da dire, ma se sei arrabbiato è molto difficile che tu possa voler tornare con lei.

Fase 4: La disperazione

La fase della rabbia ha una durata piuttosto breve, più che altro perché rimanere arrabbiato tutto il giorno tutti i giorni ti richiede uno sforzo immane. La rabbia serve per prendere le distanze, ma è un sentimento che logora e che se non superi, non ti permette di affrontare la quarta fase, ovvero quella della malinconia.

La quarta fase arriverà da sola, quando non riuscirai più a sorreggere il sentimento di rabbia per lei. In questa fase, la protagonista è la tristezza assoluta, la disperazione. Fino a qui sei passato per il rifiuto, il tentativo di riconquistarla e la rabbia, quindi ora arriva la fase in cui, per la prima volta, guardi davvero in faccia alla fine.

le fasi della fine di una relazione

E per quanto possa sembrarti strano, questo è lo step risolutivo. Quando si paleserà la tristezza assoluta, sappi che sei dietro l’angolo per riuscire a superare la fine della relazione.

Rispondi alle domande qui sotto per capire se stai attraversando la quarta fase:

  • Ti dici spesso di aver sbagliato tutto?
  • Credi che non riuscirai più a innamorarti o a fidarti di una donna?
  • Ti dici che per come sono andate le cose non ha alcun senso intraprendere una futura relazione?
  • Credi che sia meglio stare solo tutta la vita così da evitarti delusioni?

In questa quarta fase della fine di un amore proverai anche un sentimento di sfiducia nei confronti delle donne in generale e delle relazioni amorose, guardando al tuo futuro con timore. Sappi che è normale, passerà anche questa. Inoltre, nella fase della disperazione c’è anche la tristezza che provi guardando al vostro passato insieme.

Ormai hai capito che non c’è più via di ritorno e ti guardi indietro idealizzando ciò che hai vissuto con lei, rimanendo intrappolato in un senso di continuo rimpianto. Ciò che devi fare è trovare la forza di reagire, perché altrimenti ti segreghi all’interno delle tue convinzioni, che però non sono la realtà.

Fase 5: L’accettazione

Eccoci arrivati alla quinta e ultima fase, quella in cui capirai che è la tua relazione a essere finita, non la tua vita. Non è facile, perché dovrai affrontare il dolore di una perdita, di un lutto, ed è proprio per questo che non devi isolarti. Adesso hai bisogno di sentirti amato dalle persone che fanno parte della tua vita: amici, famiglia, colleghi.

fine di un amore le fasi

Faranno tutti del loro meglio per cercare di starti vicino e per tirarti su, e il tuo impegno deve essere quello di accogliere la loro presenza. Cerca quindi di non declinare i loro inviti chiudendoti in casa e facendo la vita dell’eremita: non è quello di cui hai bisogno adesso.

Stai affrontando un grosso dolore, e non puoi pensare di essere solo in questo momento. La fase dell’accettazione arriva al suo apice nel momento in cui ti renderai conto che, ripensando a lei e al vostro passato, non sprofondi in uno stato di disperazione o di rabbia, e quando ricominci a programmare la tua nuova vita.

Fine di un amore: Quanto tempo per superarla?

Ora che sei consapevole di ciò che ti attende è possibile che tu voglia sapere quanto tempo ci vuole per arrivare alla fase finale, quella dell’accettazione. Ti ribadisco che accettare la perdita di una persona non è semplice, e pertanto richiederà diverso tempo, non voglio prenderti in giro.

É stato stimato che, in media, ci vogliono circa 90 giorni per potersi lasciare la fine di un amore alle spalle, anche se chiaramente non è una regola matematica. C’è chi ci mette molto meno, e chi ci può mettere di più. Anche perché devi considerare che il percorso che ti attende non è lineare.

A volte avrai la sensazione di esserne quasi fuori e poi all’improvviso ti ritrovi a pensarci con rabbia, o magari con estrema tristezza. La percezione sarà un po’quella di fare su e giù, devi metterlo in conto. Tuttavia, sappi che molto dipende da come deciderai di reagire alla fine del rapporto, tutto è nelle tue mani.

Se dovessi avere bisogno di me, non devi fare altro che richiedere qui la tua consulenza privata. Il tunnel lo affronteremo insieme per andare verso la luce nel modo più efficace e rapido possibile!